';
Sadhana

“Una volta una persona disse riguardo alla sadhana: “Dopo aver fatto la sadhana, non vi dovrebbe capitare niente”. Io dissi: “No. Quando ha luogo la sadhana, dovrebbe accadervi di tutto e dovreste uscirne vincitori, vittoriosi!”. Ecco cosa vi dona la sadhana. Non vi dà una garanzia scritta da Dio. Colui il quale pratica la sadhana si costruisce una personalità molto forte, può conquistare tutto! Ecco perché faccio la mia sadhana. L’ho fatta per anni. La faccio anche adesso. Alcuni mi chiedono: “Tu sei un Maestro, perché fai la sadhana?”. Io rispondo “Per rimanere un Maestro!”.  (Yogi Bhajan)

La Sadhana è una pratica di autodisciplina che ci permette di esprimere l’Infinito nel sé. Si tratta di un momento giornaliero che serve a osservare gli schemi che ci allontanano dalla consapevolezza più alta e a trascenderli.

La Sadhana è un’attività consapevole: scegliamo consapevolmente di alzarci, esercitare il corpo e meditare. Ogni giorno è diverso, ogni giorno noi siamo diversi – le cellule del corpo cambiano completamente ogni 72 ore -, ma scegliamo consapevolmente di mantenere una pratica costante e regolare. Nel Kundalini Yoga si suggerisce di praticare la Sadhana durante quelle che sono chiamate le “ore dell’ambrosia” (le due ore e mezza prima dell’alba), quando il sole è a un angolo di 60° rispetto alla Terra e le attività quotidiane sono ridotte e di minore impatto.

Sviluppare una pratica di Sadhana regolare permette di prendere il controllo della vita. Impegnarsi ad ascoltare il proprio Sé superiore ogni mattina consente di ascoltare e seguire la propria Anima.

La pratica secondo le indicazioni di Yogi Bhajan:

3.00 – 3.15: svegliarsi e prepararsi per la Sadhana, preferibilmente facendo una doccia fredda e indossando comodi abiti di cotone;

3.45 – 4.20: recitare il Japji Sahib

4.00 – 4.45: vibrare l’Adi Mantra e praticare un krya di 25/45 minuti

4.45 – 5.00: rilassamento profondo

5.00 – 6.00: vibrare i mantra dell’Era dell’acquario per 62 minuti

6.00 – 6.15: momento di contemplazione

6.15 – 6.30: lettura dell’Hukam del Siri Guru Granth Sahib (opzionale)

 

Prossime date:

domenica 27 settembre ore 5.30
La pratica consiste in una lezione di Kundalini Yoga (1 ora circa) a cui segue la vibrazione dei mantra dell’Era dell’Acquario (62 minuti).
Per informazioni: 338 305 9488 (Luisa Param Kiret Kaur Berterame)

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIN
  • Pinterest
Share
Scrivici su Whatsapp
1
Scrivici su Whatsapp!
Scivici su Whatsapp!